Internet killed the Video star!

Pubblicato il 18/12/2006 da Stefano Cazzella in Marketing,TV 2.0

Lo ammetto, non ho resistito alla tentazione di pubblicare sul mio blog gli esperimenti fatti con Swivel alla ricerca di qualche verità nascosta o qualche conferma sperimentale. L’analisi è stata condotta come caso d’uso del servizio, ma i risultati analitici prodotti sono coerenti con altri studi di settore

Il tema prescelto è l’influenza che ha avuto la diffusione di Internet sull’audience televisiva, con particolare riferimento all’informazione. La tesi da dimostrare (o da sfatare) è che Internet nel suo complesso costituisca una fonte alternativa di informazione la cui diffusione, in forte crescita, porta ad un calo negli ascolti televisivi dei programmi di informazione.

http://swivel.com/graphs/show/1163380

Per misurare l’andamento degli ascolti televisivi sono stati scelti, a titolo esemplificativo, gli ascolti di due dei principali programmi di informazione serale statunitensi: CBS Evening News e ABC World News Tonight. Tali dati corrispondono a quanto rilevato dal Nielsen Media Research. Per quanto riguarda la diffusione di Internet, i dati sono relativi ad un sondaggio condotto annualmente da The Pew Research Center for the People and the Press in cui viene stimata la quota di utenti Internet.

Nel grafico sono riportate le variazioni percentuali, rispetto ai loro massimi, delle tre misure prese in considerazione. Dalla loro comparazione appare evidente che i trend dell’audience di entrambi i programmi televisivi hanno un andamento analogo e in controtendenza rispetto a quello dell’utilizzo di Internet: gli ascolti televisivi sono in calo quasi-costante (negli ultimi 12 anni entrambi i programmi hanno perso circa il 40% dei loro telespettatori) mentre la diffusione di Internet cresce con un tasso medio del 5,5%.

Il livello di correlazione (diretto e inverso) fra le serie è elevato: -0,81 fra i dati di Internet e CBS; -0,85 fra quelli di Internet e ABC; 0,89 fra quelli di CBS e ABC. E’ noto che non è possibile dedurre un rapporto di causa-effetto dalla semplice correlazione dei dati presentati: è la TV che spinge la gente a rivolgersi ad Internet; è Internet che ruba il pubblico alla TV; esiste una causa comune esterna; sono solo fenomeni contemporanei ma non legati da rapporto causale? Resta comunque il fatto che gli ascolti televisivi calano mentre la gente che usa Internet cresce. Tale fenomeno è ampiamente studiato e discusso per capire quali meccanismi siano in atto dietro quanto mostrato dai dati; fra questi è interessante analizzare The State of the News Media 2006 che è stato condotto su dati analoghi a quelli mostrati e affronta il tema dal punto di vista degli operatori del settore dell’informazione.

Per quel che riguarda lo studio di caso, Swivel ha dimostrato, pur essendo ancora in rodaggio, di avere a disposizione alcuni data set utili ad affrontare i temi di analisi più comuni. Le fonti utilizzate si sono dimostrate attendibili anche se, da questo punto di vista, il caso d’uso non è particolarmente significativo dal momento che l’utente che ha portato i dati in Swivel è anche un collaboratore interno del progetto stesso.

1 commento »

  1. 19 December 2006 @ 13:51

    […] Vi segnalo un interessante post su sul blog di Caccio intitolato “Internet Killed the video star!” che mette alla prova il nuovo servizio online Swivel, la cosiddetta YouTube dei dati, incrociando i dati d’ascolto di alcuni network USA con quelli sulla diffusione di Internet: Nel grafico sono riportate le variazioni percentuali, rispetto ai loro massimi, delle tre misure prese in considerazione. Dalla loro comparazione appare evidente che i trend dell’audience di entrambi i programmi televisivi hanno un andamento analogo e in controtendenza rispetto a quello dell’utilizzo di Internet: gli ascolti televisivi sono in calo quasi-costante (negli ultimi 12 anni entrambi i programmi hanno perso circa il 40% dei loro telespettatori) mentre la diffusione di Internet cresce con un tasso medio del 5,5%. […]

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Lascia un commento