Magic Quadrant 2008 per il mercato della Business Intelligence

Pubblicato il 28/02/2008 da Stefano Cazzella in Business Intelligence

Nel mese di febbraio è stata pubblicata da Gartner la consueta analisi, aggiornata al 2008, sul posizionamento delle diverse piattaforme di Business Intelligence.

Magic Quadrant for Business Intelligence (2006-2008)

Come è noto, nel corso del biennio 2006-2007 (ma sopratutto nell’ultimo anno) si sono susseguite una serie di importanti acquisizioni che hanno ridefinito gli attori e le strategie nel mercato della Business Intelligence. Questo stravolgimento non ha mutato le previsioni di Gartiner che conferma lo scenario di crescita delle revenue del settore con un incremento complessivo superiore al 50% per il 2011 (che corrisponde ad un CAGR del 8.6% per un periodo di cinque anni a partire dai risultati del 2006).

Una prima valutazione sugli effetti delle diverse strategie messe in atto dai principali player del settore può essere desunta dal diverso posizionamento loro assegnato da Gartner sui “Magic Quadrant” degli anni 2006, 2007 e 2008. Il trend comune per tutte le aziende è stata una crescita lungo l’asse della capacità realizzativa (Ability to Execute) dei propri disegni.

Lo sforzo profuso da Oracle nel processo di integrazione all’interno dei propri piani di sviluppo (per altro ancora in corso) di due diverse realtà come Siebel e Hyperion è testimoniato da una crescita contenuta proprio della capacità realizzativa; d’altro canto le importanti acquisizioni hanno giovato alla completezza dell’offerta (completness of vision) sia attuale che prospettica (vedi progetto fusion che travalica anche il mercato della sola BI).

Al tortuoso “percorso” di Oracle si contrappone quello lineare di Microsoft che, anche attraverso una serie di acquisizioni mirate (anche se di minore entità), raggiunge il quadrante dei ledears di mercato rafforzando la posizione sia in termini di completezza di visione del mercato che nella capacità di realizzare tale visione. La posizione che occupa (una elevata capacità realizzativa rispetto alla visione del mercato) è caratteristica del gigante di Redmond che (in qualità di follower) dimostra una grande capacità nel concretizzare in maniera assai efficace le migliori intuizioni che altri concorrenti hanno già dimostrato essere promettenti.

Cognos e Business Objects, i due player principali del mercato in termini di fatturato (tralasciando SAS che ha la maggior parte dei ricavi legati alle componenti di analisi statistica), continuano ad occupare il settore più centrale (e quindi più bilanciato) del quadrante dei leaders. Entrambe le aziende sono state oggetto di acquisizione, rispettivamente da parte di IBM e SAP, ma gli effetti di tali recenti acquisizioni non hanno ancora avuto un riscontro significativo nei piani di sviluppo fin qui adottati dai due vendor per la realizzazione delle due proprie suite di prodotti.

Nessun commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Lascia un commento