Business Objects XI 3.0 senza veli

Pubblicato il 06/04/2008 da Stefano Cazzella in Business Intelligence

In questi giorni a Roma è stata presentata la versione 3.0 della suite Business Objects XI. L’evento, oltre a celebrare la nuova release, è stato anche l’occasione per fare il punto sulla recente acquisizione.

Ad illustrare le strategie per SAP e BO c’era sul palco Augusto Abbarchi (AD di SAP Italia dal 2005). Primo comandamento della strategia sinergica fra le due aziende è: 1 + 1 = 3; il che, tradotto in pratica, significa che i budget imposti ad entrambe le aziende per il 2008 prevedono una forte componente di ricavi legata al cross-selling.

Ma la parte del leone l’ha fatta, come giusto, la demo delle novità introdotte nella suite. Fra quelle presentate, la più avveniristica è stata Polestar (purtroppo non ho potuto riprenderla): un ambiente di analisi guidata per l’esplorazione dei dati che sembra uscito da un incrocio con Google e iTunes. Il primo ha chiaramente ispirato le funzionalità di ricerca delle informazioni di interesse, con tanto di scoring dei risultati che cambia a seconda del dettaglio con cui si forniscono le chiavi di ricerca. Mentre l’interfaccia di analisi e navigazione, con un sistema di filtri a cascata nella parte superiore e la visualizzazione dei dati (con diversi formati grafici) nell’area sottostante, richiama anche nelle logiche di funzionamento quelle del noto strumento di gestione delle library musicali.

Business Objects Polestar and Apple iTunes

Altra novità che è stata presentata è il Rich Client di Web Intelligence che consente di lavorare su dati locali (es. fogli excel) in modalità “scollegata” dal sistema Enterprise con le stesse funzionalità disponibili con la versione on-line; i dati locali (non necessariamente mappati in uno strato semantico) possono anche essere combinati con quelli corporate. A chiudere la presentazione sono state le funzionalità di integrazione con Office (Live Office) e i widgets per Windows Vista (basati su Xcelsius) attraverso cui è possibile avere, integrati sul proprio desktop, degli indicatori sintetici costantemente aggiornati.

Restano da vedere in azione le tecnologie di Text Analysis la cui presentazione si è limitata a illustrare, mediante slide PowerPoint, alcune logiche di funzionamento; lo stesso dicasi per Data Services il prodotto frutto dell’integrazione delle componenti di back-end.

1 commento »

  1. Commento di Raf
    8 April 2008 @ 12:50

    I due presentatori nel video sul palco dello Sheraton Golf Club ??
    Raffaele Giammarco e Andrea Saroli….

    Se la sono cavata…

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Lascia un commento