JavaDay Roma 2009

Pubblicato il 26/01/2009 da Stefano Cazzella in Web 2.0

Roma, 24 Gennaio 2009 – La facoltà di Ingegneria di Roma Tre ha ospitato la terza edizione romana del Java Day.

Anche quest’anno si è confermato il grande successo di pubblico che ha caratterizzato la passata edizione.

Nel video ho raccolto alcuni passi dei tre talk che ho seguito con maggior attenzione:

  • Java SE 6 Update 10 & JavaFX: la piattaforma Java per le RIA sulle novità introdotte con l’ultima release del JRE in merito alla realizzazione di Rich Internet Applications. Particolarmente interessante la maggior integrazione fra applet e browser (fra cui il pieno accesso alla struttura DOM della pagina sia in “lettura” che in “scrittura”) e con JavaScript (lo standard de fact nella realizzazione di web apps).
  • Android: lo sbarco di Google nel pianeta Mobile Internet: uno dei talk più attesi (e più affollati) non ha deluso le aspettative, combinando tanto codice con un’analisi acuta delle potenzialità e delle prospettive di mercato per il sistema targato Google.
  • Una carriera nell’Open Source: unico talk (credo) senza una riga di codice … ma probabilmente il più affascinante, come spesso succede quando ci si concentra sul rapporto fra tecnologia e modelli di organizzazione sociale.

3 commenti »

  1. 27 January 2009 @ 7:43

    […] caccio’s blog Android: lo sbarco di Google nel pianeta Mobile Internet: uno dei talk più attesi (e più affollati) non ha deluso le aspettative, combinando tanto codice con un’analisi acuta delle potenzialità e delle prospettive di mercato per il sistema targato Google. […]

  2. Commento di Andrea Gumina
    27 January 2009 @ 13:30

    Averli completi pensi sia fattibile? La sintesi che pubblichi è promettente. Grazie.

    Andrea.

  3. Commento di Stefano Cazzella
    27 January 2009 @ 13:42

    Purtroppo non ho potuto riprendere interamente i talk: ero equipaggiato con una fotocamera compatta e una MC da 1GB.

    La sintesi è stata fatta montando il materiale a disposizione in modo da dare un’idea dei contenuti trattati nei tre interventi e in generale dell’atmosfera che si respirava al JavaDay: temo che i contributi “scartati” in qeusto processo siano veramente esigui.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Lascia un commento